Qualità dell’attività in acqua?

In questa sede, dedicata alla parte più tecnica dell’esercizio in piscina, viene preso in esame il movimento di spinta in avanti sul piano trasverso: un esempio per cogliere i diversi effetti, evitando errori da parte del trainer

Tra gli esercizi che si fanno sempre nel fitness in verticale ci sono le “spinte in avanti”, con o senza attrezzo. Molto spesso viene “buttato” là come momento di attivazione senza le giuste attenzioni, per passare un po’ di tempo. Si tratta sicuramente di un esercizio molto immediato, un po’ come la panca piana della palestra, ma che, nella sua semplicità, inserita nell’ambiente acqua, scopriremo può nascondere tanti accorgimenti utili alle persone che stanno facendo attività.

Sempre in modo empirico, più attento possibile, però, alle particolarità della situazione, riportiamo quanto fatto come test. Come sempre, inquadriamo la situazione ambientale, senza la quale in acqua le informazioni sull’attività hanno poco senso.

EtàAltezza dell’acquaTemperatura dell’acquaPavimento vascaStatoOra
57125 cm30,5° e 29°CPiastrelleNon attivato06:45
Test: spinte in avanti con due Small Equipment, resistenti e galleggianti: Aqquacombat Gloves e Happy Flowers

In questa prima parte prendiamo in esame solo le spinte con Aqquacombat Gloves

Riferimenti generali

  • livello dell’acqua che rimaneva sempre all’altezza della parte alta del deltoide, così da garantire che Aqquacombat Gloves rimanessero sempre bene sott’acqua
  • ho cercato di capire quale appoggio fosse migliore. Per comodità l’apertura sagittale delle gambe, con sinistra avanti e destra indietro
  • riferimenti di movimento: distensione completa delle braccia e flessione fino a sfiorare busto
  • i numeri più piccoli rappresentano la FC%. In ordinata una scala con FC%, in ascissa i minuti di attività
  • un ciclo è dato da spinta e ritorno

Sapere quello che succede aiuta a prevenire errori dei clienti in acqua, piuttosto che far loro percepire un movimento che non sia spersonalizzato

Articolo di Stefano Candidoni, pubblicato su wbox.it

Altri Articoli
Torna in alto